Tag Archives: Francesco Bearzatti

_80B2760-1

Follow Francesco Bearzatti: next gigs!

Francesco Bearzatti: next gigs!

 

 

Dal 29 al 31 Dicembre sarà ad Orvieto per Umbria Jazz Winter, insieme a Mauro Ottolini, Oscar Marchioni e Paolo Mappa con il festoso progetto jazz/lounge The Licaones, per festeggiare insieme il nuovo anno in allegria.

Il 1 Gennaio invece, dedicherà un solo intenso e poetico a Duke Ellington “Sound of Love” nella chiesa di San Pietro a Corniolo ed il 2 Gennaio al Teatro Verdi di Forlimpopoli con il gruppo storico Tinissima Quartet, composto da Giovanni Falzone alla tromba, Danilo Gallo al basso e Zeno De Rossi alla batteria, viaggeranno attraverso dieci anni di lavoro della pluripremiata band in TINISSIMA10!

 

2 Gennaio 2018 – 21:30

Francesco Bearzatti Tinissima Quartet – “TINISSIMA 10″

Forlimpopoli – Teatro Verdi

 

1 Gennaio 2018 – 16:30

Francesco Bearzatti Sax solo “DUKE ELLINGTON – SOUND OF LOVE”

Corniolo (Santa Sofia) – Chiesa di San Pietro

 

31 Dicembre 2017 – 23:15

Francesco Bearzatti e Mauro Ottolini

The Licaones

Orvieto – Palazzo del Popolo – Sala Expo #UJW25

 

31 Dicembre 2017 – 20:30

Francesco Bearzatti e Mauro Ottolini

The Licaones

Orvieto – Ristorante Al San Francesco #UJW25

 

30 Dicembre 2017 – 15:30

Francesco Bearzatti e Mauro Ottolini

The Licaones

Orvieto – Palazzo del Popolo – Sala Expo #UJW25

 

29 Dicembre 2017 – 18:30

Francesco Bearzatti e Mauro Ottolini

The Licaones

Orvieto – Palazzo del Popolo – Sala Expo #UJW25

ph: Andriano Bellucci

 

BOOKING & MANAGEMENT

Katia Forgione

M. +39 3921686259

info@staylive.it  

booking@mercuriomanagement.it

www.staylive.it

Bearzatti Gatto Bex

30.6 Artusi Jazz e 5.7 Udin&Jazz : Bearzatti | Bex | Gatto – DEAR JOHN (open letter to Coltrane)

Next Gigs

30.6.2017

Artusi Jazz Festival – Forlimpopoli

MORE INFO

5.7.2017

Udin & Jazz – Udine

MORE INFO

Dear John (open letter to Coltrane)

Francesco Bearzatti sax

Roberto Gatto batteria

Emmanuel Bex organo Hammond

Dopo la morte di John Coltrane, avvenuta il 17 luglio 1967, il mondo della musica si è come tutto sintonizzato sul suo stile del periodo di mezzo: quello del quartetto modale, il più accessibile ed euforico, profondamente legato a un’ispirazione spirituale.

Questo stile è diventato parte del linguaggio jazzistico ed è spesso ridotto a pura formula. E’ per questo che per MetJazz 2017 abbiamo chiesto a Francesco Bearzatti (1966) di immaginare un omaggio a John Coltrane. Perché Bearzatti viene stilisticamente da un mondo piuttosto lontano e vive un diverso rapporto tra la musica e valori civili. Eppure come sax tenore non può non fare i conti con Coltrane, con la sua energia, con l’alta aspirazione spirituale, con la lucida apertura di ricerca. Per questo l’omaggio a Bearzatti a Coltrane non può che essere personale ed eccentrico, fin dalla scelta della formazione, un trio rhythm’n’blues (il sound con cui Coltrane è maturato), insieme a due maestri come l’eclettico organista francese Emmanuel Bex (1959) e il batterista Roberto Gatto. Ci sono tutte le premesse per affrontare una pagina nuova su Coltrane.

(Stefano Zenni – produzione Met Jazz 2017)

 

 

FullSizeRender

Tinissima 4et tra Woody Guthrie, Monk’n’Roll, Special Edition: i prossimi concerti

Francesco Bearzatti è senz’altro un innovatore, un’ artista che conosce profondamente la tradizione jazzistica ma che con coraggio da pioniere la proietta in originali e vincenti formule stilistiche, spinto da ardore romantico e profondo entusiasmo verso le sue inesauribili passioni. 10 anni fa  insieme a Giovanni Falzone, Danilo Gallo, Zeno De Rossi, artisti tra i più talentuosi della scena musicale jazz italiana, fondavano il Tinissima 4et, nome ispirato alla fotografa e attivista Tina Modotti, a cui hanno dedicato il loro primo disco nel 2008, SUITE FOR TINA MODOTTI; fin da subito, si sono presentati al pubblico con un profilo ben definito ed il dichiarato intento di  superare le consuetudini ed i confini  tra un genere ed un altro, coniando con sapienza e metodo  un nuovo stile, forgiato dai  4 distinti background di ognuno, i loro studi, le diverse attitudini ed esperienze sui più svariati tipi di palchi, ed immergendoli tra elementi riconoscibili di musica classica, jazz, rock, blues, punk e folk. I riconoscimenti non tardano ad arrivare e già dal secondo disco, X(SUITE FOR MALCOLM X) del 2010, fanno incetta di premi al Top Jazz guadagnandosi numerosi inviti da parte delle più prestigiose venue in Italia, in Europa e nel mondo. Guidati dalla loro vocazione al tributo di profili storici e rivoluzionari, quelli di personaggi memorabili che con coraggio hanno dedicato la loro vita a professare una loro personale ed inedita visione del mondo, hanno suggellato i propri successi negli anni a venire, con l’adrenalinico MONK’N’ROLL nel 2013, dedicato al genio musicale di Thelonious Monk , seguito da THIS MACHINE KILLS FASCISTS del 2015, in tributo al cantautore Woody Guthrie per arrivare poi all’ultimo  TINISSIMA SPECIAL EDITION del 2016, un compendio su disco che raccoglie i 10 anni di carriera della formazione.

 

Prossimamente, il Tinissima Quartet sarà in giro per l’Italia con diversi suoi progetti tra cui MONK’N’ROLL, che se non ha mai spento l’interesse e l’entusiasmo dal 2013, anno di uscita del disco, quest’anno riceve un’ attenzione duplice in decorrenza del centenario dalla nascita del geniale compositore Thelonious Monk; proseguono poi anche i concerti dedicati a WOODY GUTHRIE,  e per finire non mancherà il live dedicato ai 10 anni della loro formazione in SPECIAL EDITION.

 

VISITA IL CALENDARIO PER INFORMARTI SUI PROSSIMI CONCERTI

 

6 Maggio 2017

20:30

Francesco Bearzatti Tinissima 4et

This Machine Kills Fascists

Lana (BZ)

Lana Meets Jazz Festival

 

31 Maggio 2017

21:00

Francesco Bearzatti Tinissima 4et

This Machine Kills Fascists

Treviso

Treviso Suona Jazz Festival

 

1 giugno 2017

21:00

Francesco Bearzatti Tinissima 4et

Monk’N’Roll

Correggio (Re)

Teatro Asioli – Correggio Jazz

 

30 Giugno 2017

21:00

Francesco Bearzatti trio feat. Emmanuel Bex e Roberto Gatto

Dear John – Open Letter to Coltrane

Forlimpopoli

Artusi Jazz Festival

 

5 Luglio 2017

21:00

Francesco Bearzatti trio feat. Emmanuel Bex e Roberto Gatto

Dear John – Open Letter to Coltrane

Udine

Udin&Jazz Festival

 

7 Luglio 2017

21:00

Francesco Bearzatti Tinissima 4et

Monk’N’Roll

Roma

Complesso del Vittoriano

 

11 Agosto 2017

21:30

Francesco Bearzatti Tinissima 4et

This Machine Kills Fascists

Berchidda

Piazza del Popolo – Time in Jazz

 

12 Agosto 2017

18:00

Francesco Bearzatti

Francesco Bearzatti solo

Bortigiadas

Chiesa di San Nicola

 

19 Agosto 2017

21:00

Francesco Bearzatti Tinissima 4et

Tinissima Special Edition

Grosseto

tba

 

Calendario

 

 

 

 

Progetto senza titolo (2)

Nuovamente in Classifica per i Top Jazz : Tinissima Quartet al secondo posto per il miglior gruppo italiano 2016

NUOVAMENTE IN CLASSIFICA

PER I TOP JAZZ :

 

FRANCESCO BEARZATTI TINISSIMA 4ET

 

SECONDO CLASSIFICATO PER IL 

 

MIGLIOR GRUPPO ITALIANO DELL’ANNO

 

 

Grazie a tutti per averci votato e per il vostro sostegno!

 

 

2017 – DIECI ANNI PER 

 

FRANCESCO BEARZATTI

TINISSIMA QUARTET

 

FRANCESCO BEARZATTI, ZENO DE ROSSI, DANILO GALLO E GIOVANNI FALZONE, LA PLURIPREMIATA FORMAZIONE ITALIANA FESTEGGIA I DIECI ANNI DI STORIA

 

 

Dieci anni per una delle formazioni più sorprendenti e affiatate che siano emerse in Italia negli ultimi anni!

 

 

 DISCOGRAFIA

 

2008 “SUITE FOR TINA MODOTTI” (Parco della Musica)

2010 “X (SUITE FOR MALCOLM X)” (Parco della Musica)

2013 “MONK’N’ROLL” (CAM jazz)

2015 “SUITE FOR WOODY GUTHRIE” (CAM jazz)

2016 “TINISSIMA SPECIAL EDITION” (Repubblica/L’Espresso)

 

Il loro nome deriva da un’ icona di emancipazione e lotta di classe, un’ avventuriera friulana che è stata emblema di resistenza politica antifascista, coraggiosa fotoreporter nel Messico degli anni ’20;   Tina Modotti, è stata inoltre attrice, operaia, emigrante, militante nel movimento comunista internazionale, perseguitata ed esule politica,  ha fotografato tutti i volti più celebri della rivoluzione messicana, usando il mezzo fotografico come strumento d’indagine e denuncia sociale.  

 

Sotto l’ effige quindi di questa straordinaria figura femminile il TINISSIMA QUARTET ha, durante gli anni, tracciato le linee guida dei propri progetti mantenendo ben saldi gli elementi forti di questo carattere ribelle e cimentandosi con eccellenza in diversi generi musicali dal rock, al folk al blues, ovviamente senza tralasciare mai il jazz, e  intraprendendo viaggi concettuali insieme ai personaggi di cui ha voluto raccontare le straordinarie biografie, quelle di rivoluzionari, sperimentatori, personalità carismatiche, che avevano senz’altro qualcosa di importante da dire, come appunto hanno fatto Tina Modotti, Malcolm X , Woody Guthrie e Monk.

 

Per festeggiare insieme quindi, la band propone un live per ripercorrere con il suo pubblico i brani salienti dei loro dischi in un viaggio attraverso gli splendidi temi di Bearzatti, autore poetico e raffinato, capace di sintetizzare influenze musicali disparate. 

 

“Mi piace mescolare qualsiasi colore e scrivere senza pensare ai generi” tra musica popolare, jazz e rock. Con animo punk.

 

“Tinissima non è un classico quartetto jazz (almeno per me) ma è una vera band, una “combact band” consacrata alle biografie musicali di personaggi che si sono battuti per gli ultimi, per gli emarginati, per i “non aventi diritto”. E di questi personaggi io mi innamoro perdutamente e mi diverto a mettere in musica la loro vita, le loro vicende i loro pensieri. Tutto ciò è possibile e riesce molto bene perché di questa “band” fanno parte Giovanni Falzone, Danilo Gallo e Zeno De Rossi, 3 musicisti, amici e compagni di avventura che a loro volta sposano il progetto e ci mettono anima e corpo in quello che fanno. “

 

(Francesco Bearzatti)

  

Francesco Bearzatti Prizes:

1996 Best Tenor Player

2003 Best New Talent MJ

2009 Best Read Top Jazz

2009 “Moret D’aur” as the Best Artist form the City of Udine

2010 Best Record Top Jazz

2010 Best Band Top Jazz

2010 Premio Critica Jazz

2010 Jazz It Award Tenor S

2010 Jazz It Award Best CD

2010 Jazz It Award Best Cover

2011 Premio Insound Fiati

2011 Best Read Top Jazz

2011 Prix Du Musicien European Accademie du Jazz

2014 Jazz It Award Best Clarinet.

 

 

Video Intervista di Ernesto Assante ed estratto live per Jazz Corner

link

 

Francesco Bearzatti Tinissima Quartet live Web Notte

link

L1000774

In the court of Mr. Dave Douglas! Tinissima 4et al Bergamo Jazz festival il 23 Marzo 2017

Bergamo Jazz inonda la città di musica
Effetto Douglas: mix di «stelle» e giovani

Molte le novità della 39esima edizione di una delle rassegne musicali più longeve e apprezzate della scena nazionale. Dal 19 al 26 marzo. Un cast di «stelle» che suoneranno non solo al Donizetti e al Sociale ma anche alla Carrara, alla biblioteca Mai e naturalmente in strada. Ampio spazio ai giovani musicisti selezionati da Tino Tracanna.

Dal 19 al 26 marzo 2017 torna uno degli eventi musicali più amati della Città. Torna Bergamo Jazz, per la seconda volta affidato alla Direzione Artistica del musicista americano Dave Douglas, ad ulteriore testimonianza del respiro internazionale che da sempre è nel Dna del Festival. Molte le novità che si preannunciano per l’edizione 2017, la trentanovesima di un festival che, pur nel cambio di denominazione e di gestione organizzativa che l’hanno traghettata dagli anni Settanta a oggi, rimane un punto di riferimento per gli appassionati bergamaschi e non solo, rispecchiando nel corso del tempo la vitalità di una musica che non perde di attualità senza mai dimenticarsi del proprio passato. Organizzato da Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo e Servizi Teatrali – Teatro Donizetti, Bergamo Jazz si appresta, dunque, ad addentrarsi con ancora maggior determinazione nel tessuto della propria città, grazie a numerose iniziative che vedono l’apporto di altrettante importanti realtà culturali ed economiche territoriali.

Jazz al Sociale
Entrato da qualche anno nel novero delle principali location di Bergamo Jazz, il Teatro Sociale ospita due appuntamenti. Giovedì 23 marzo (ore 21), doppio concerto con l’OriOn triO del batterista Rudy Royston e con il Tinissima Quartet del sassofonista Francesco Bearzatti. L’americano, uno dei batteristi attualmente più quotati, presenterà il suo nuovo album Rise of Orion insieme al sassofonista Jon Irabagon e al bassista Yasushi Makamura, mentre il musicista friulano proporrà i brani di This Machine Kills Fascists, tributo a Woody Guthrie e alla canzone di protesta americana, insieme ai suoi abituali partner, il trombettista Giovanni Falzone, il bassista Danilo Gallo e il batterista Zeno De Rossi.

Giovedì 23 marzo 2017 ore 21,00

Rudy Royston OriOn TriO;

con Jon Irabagon (sax tenore e soprano) Yasushi Nakamura (contrabbasso)

Francesco Bearzatti Tinissima Quartet;

con Giovanni Falzone (tromba) Danilo Gallo (basso elettrico, elettronica) Zeno De Rossi (batteria).

Fonte: Eco di Bergamo

Progetto senza titolo

Francesco Bearzatti, Jeff Ballard, Emmanuel Bex aprono il MetJazz il 30 Gennaio 2017

 

 

Prato: il MetJazz 2017 nel segno del sassofono di John Coltrane

Metastasio Jazz rende omaggio a John Coltrane

Grandi concerti e non solo per la l’edizione 2017 di MetJazz, la rassegna curata da Stefano Zenni.

La ventiduesima edizione di MetJazz sarà all’insegna del tributo a John Coltrane.

 

Dal 27 gennaio al 23 febbraio, la rassegna curata da Stefano Zenni porterà a Prato grandi nomi del jazz internazionale, concerti/spettacolo e mostre a tema.

 

La rassegna vuole rendere omaggio, anche in modo originale, ad uno dei più grandi nomi della musica di questo genere a 50 anni dalla morte (luglio 1967). La 22ma edizione del festival si terrà dal 27 gennaio al 23 febbraio e come lo scorso anno vedrà coinvolte diverse location di Prato e abbraccerà anche Firenze. Il festival è organizzato dal Metastasio in collaborazione con il Network sonoro, Musicus Concentus, Camerata strumentale, la scuola di musica “Verdi”, museo del Tessuto e di Palazzo Pretorio e il Pinocchio jazz club di Firenze.

La presentazione della rassegna è toccata al direttore artistico Stefano Zenniinsieme al presidente della fondazione Metastasio Massimo Bressan e al direttore del teatro Franco D’Ippolito. Zenni esordisce raccontando come Coltrane sia stato uno dei jazzisti più copiati degli ultimi 50 anni. “Coltrane – dice – suonava il sax tenore e nella rassegna sarà sottolineato il sassofono nelle varie declinazioni”.

Coltrane, si legge nella presentazione, è considerato uno “tra i più grandi improvvisatori della storia del jazz, un autentico “compositore istantaneo” che ha chiuso il periodo del bop e aperto quello del free-jazz: una ricognizione della sua eredità, ma senza spirito imitativo né di revival, e un focus particolare attorno al sassofono – strumento nato in Europa, giunto negli Stati Uniti via Messico e che, solo grazie al jazz, è diventato una voce fondamentale della musica contemporanea – saranno i temi portanti di tutti gli appuntamenti”.

 

 

30 gennaio, Metastasio, ore 21
L’inaugurazione è affidata a una produzione originale di MetJazz, un trio rhythm’n’blues (il sound con cui Coltrane è maturato), un personale tributo a Coltrane realizzato da Francesco Bearzatti che fa dialogare il suo sax tenore e il suo clarinetto con l’organo Hammond dell’eclettico Emmanuel Bex e la batteria di Jeff Ballard nel concerto “Dear John (Open Letter to Coltrane)”(produzione originale Metajazz)..

 

“Sarà interessante – spiega Zenni – sentire Bearzatti che nella sua carriera non è stato influenzato da Coltrane e volutamente l’ho scelto, sarà un omaggino personale e sicuramente diverso dal solito”.

 

 

Leggi Fonti: Pratosfera.com   Il Tirreno

Ulteriori Info: MetJazz  StayLive  Francesco Bearzatti